UNTER/VARESCO Lagundo/Veloi 2014

Nogarè

NOGARE' 19 APRILE 2009. I settantotto e più chilometri, i brevi strappi di metà gara e l' ascesa finale, fanno del  Gran Premio NOGARE' una delle gare più ambite nel panorama ciclistico regionale. Ad onorarla, il "gotha" del ciclismo di casa al completo; JANES, FERRARI, VALENTINI, BERTOLINI, DECARLI, PICHLER, PAOLI, MALFERTHAINER , BERGAMO, e ROBERTO BOTTER campione del mondo in carica della categoria junior su tutti, tanto per citare gli uomini protagonisti di questo inizio di stagione. Bene quindi per il trio delle meraviglie CASAGRANDE NARDON e VALCANOVER che ci concedono anche quest 'anno di godere di un 'altra giornata di "grande ciclismo", anche se le partenze a gruppo unico pagano sempre pegno sul numero di concorrenti.
                L' oliata macchina organizzativa ci evidenzia un ragguardevole numero di uomini e mezzi preposti alla tutela ed alla sicurezza dei concorrenti; moto staffette e forze dell 'ordine si mischiano nelle fasi di partenza ai 104 iscritti, già schierati per il trasferimento a velocità controllata in quel di PERGINE. Fin dalle prime battute OSCAR BERTOLINI è vittima di una foratura che già toglie dal lotto dei pronosticati un protagonista sicuro.
               Due chilometri di percorso agonistico sono sufficienti per proiettare in avanscoperta quattro uomini in rappresentanza di altrettante Società. BOTTER, PICHLER, SEGATTA e STEFANO DECARLI vestono subito la parte dei primi attori, tanto che nell 'abitato di LEVICO già godono di una ventina di secondi di vantaggio che sale 31" al primo passaggio da RONCEGNO. Tattiche e strategia paralizzano i bianco azzurri della PETROLVILLA e gli uomini di LUCA CADROBBI, indecisi se riportarsi sui fuggitivi o coprire i compagni di squadra. Ne esce una tira e molla che favorisce i quattro attaccanti che al traguardo volante di BORGO incrementano il loro vantaggio a 53" su una coppia di inseguitori formata a DANIELE BERGAMO e GABRIELE VALENTINI. La salita di RONCEGNO è arbitro troppo severo per STEFANO DECARLI che già al traino nei precedenti 5 chilometri di pianura è costretto a mollare la presa. Al secondo passaggio dalla cittadina termale, il gruppo inseguitore rompe gli indugi e sotto la spinta di FERRARI, VALENTINI e BORT si allunga impietosamente. Resistono solamente MALFERTHAINER, BERGAMO, PAOLO DECARLI, e STEFANO DEGASPERI  che sullo strappo di MARTER si accodano ai primi inseguitori. Il trio di testa sente odore di impresa e vola lanciato verso l' ascesa finale con una ventina di secondi di vantaggio; sufficienti per una volata a tre. La spunta il campione del mondo ROBERTO BOTTER del team ALIPLAST che brucia in volata un sorprendente CLAUDIO SEGATTA e un BRUNO PICHLER tanto generoso quanto incerto. Fra gli inseguitori per il fuoco alle polveri ci pensa GIANNI BORT che allunga quel tanto da scavare una ventina di metri fra i sorpresi compagni di viaggio. Il tentativo viene immediatamente vanificato dalla reazione violenta di MARCO FERRARI al quale cerca di accodarsi VALENTINI, lo stesso BORT, PAOLO DECARLI, MALFERTHAINER, BERGANO e STEFANO DEGASPERI che si classificano nell 'ordine. I settantotto chilometri del percorso sono stati corsi in 1.41'.39". Fra le Società si impone la A.S.D. PETROLVILLA (punti 56) che precede il BREN TEAM (punti 53) e la consorella BERGNER BRÄU (punti 19). Sono state infine assegnate le maglie ai vincitori di categoria: cadetti: BERGAMO DANIELE (PETROLVILLA), junior: ROBERTO BOTTER (ALIPLAST), senior: (CLAUDIO SEGATTA (BREN TEAM), veterani: GABRIELE VALENTINI (PETROLVILLA), gentleman: MARCO FERRARI (BREN TEAM). Supergentleman: CORRADO CORRADIN (PETROLVILLA).
                 Il dopo gara non è stato da meno per colpi di scena, caratterizzato da un intervento sibillino del Presidente MONTRESOR che fra un batti e ribatti con l'assessore allo sport di PERGINE, ha annunciato di voler abbandonare il proprio incarico a fine mandato. Parole non tanto benevole con un tono di profonda amarezza, sono state rivolte da PAOLO NARDON a tutti i classificati che non erano presenti alla premiazione, ai quali non è stato (come da regolamento) consegnato il premio.
 Nelle foto: l'arrivo di BOTTER, GIORGIO CASAGRANDE e SEGATTA
 Nelle foto della settimana: L'azione dei quattri fuggitivi - la volata del traguardo volante - si forma il gruppetto inseguitore - PAOLO DECARLI e "il prof" STEFANO DECARLI.               Per le classifiche complete clicca qui



< indietro ANNO 2009
lg md sm xs