Bum-Bum in casa Brao Caffe'- Unterthurner. IPRONA e TRENTOFRUTTA sponsor storici del nostro Team, triplicano e acquisiscono Elder Craft

96 anni ma non sentirli.

LUCIANO PARISI…96  anni e non sentirli e se non fosse per quella malaugurata caduta domestica che gli ha fratturato di netto il femore, probabilmente lo si potrebbe ancora incontrare a cavallo della sua bici nel tratto che da MADRANO scorre verso PERGINE. LUCIANO ha dedicato la sua vita alla famiglia, alla moglie Letizia prima (mancata purtroppo qualche anno fa) ai figli e ai  nipoti dopo. 

 Ma non solo, per più di tre lustri LUCIANO ha dedicato tutto se stesso alla bicicletta. Ma non intesa  come mezzo e strumento fine a se stesso,  ma come tramite per mettersi a disposizione degli altri. Conclusa l’epopea QUARTARONE, LUCIANO subentra nel 1978/79 al vulcanico dirigente  veneto e raccoglie un’ eredità in auge ma risicata nei sostentamenti  ai quali ci aveva abituati il Presidente della SAFI..
L’UDACE  sotto il profilo organizzativo viaggiava a gonfie vele, unico ENTE di PROMOZIONE SPORTIVA (così si pensava fosse  all’epoca) ad avere in carico tutto il peso del ciclismo amatoriale nazionale particolarmente attivo in Regione dove agiva in regime di monopolio. 

 

Inizia così l’epoca  PARISI con l’ ufficio collocato  sul cofano della   macchina da dove  esitava le prime tessere e inviava i primi comunicati.

 Gli spazi erano però troppo stretti ed angusti al punto che dal cofano della macchina si è passati ad un bell’ ufficetto in via della Spalliera. Da lì è partito il “LUCIANO dell’ UDACE”. Prima il telefono e poi la fotocopiatrice ma anche alcuni collaboratori come: TAMANINI, FONTANARI, NARDON, DE ZAMBOTTI  e GIORGIO CASAGRANDA  tanto per citare i più presenti, tutti però con un proprio spazio a disposizione.

Ma non bastava ancora per essere   grandi e felici.

Una lotta intestina mai palese ma subdola e sommersa  con l’ allora massimo vertice Federale Trentino    ha movimentato oltre il dovuto e per un buon decennio il ciclismo amatoriale provinciale.

 

Nel 95 il passaggio a PAOLO MONTRESOR ma con PARISI sempre accorto e vicino alle sorti di una UDACE già destinata dai poteri forti, a soccombere per ragion di stato.

Oggi LUCIANO è stato festeggiato nelle accoglienti sale della casa di riposo perginese dai propri famigliari e dagli amici più  cari,  il tutto in attesa di una sua completa guarigione.

 

SILVANO FONTANARI



< indietro NEWS 2019
lg md sm xs